La storia della Farmacia d’Igea inizia il 13 aprile 1925 quando il Sig Giuseppe Caturelli apre un negozio di prodotti chimici e medicinali in via Vicarese n.20. All’epoca questa via aveva la sua origine presso la “Barriera alle Piagge” uno dei varchi daziari di Pisa che costituivano il confine tra zona urbana e zona suburbana e campagna. Di lì a pochi anni, però, quel nucleo di abitazioni denominato “Borghetto” avrebbe subito una forte valorizzazione e un notevole incremento grazie alla costruzione della nuova sede della facoltà di agraria, avvenuta alla metà degli anni ’30, e alla linea del tram: così la via ha assunto l’attuale denominazione di via del Borghetto.  Sempre in questo periodo fu attuata una riforma delle leggi sanitarie che coinvolse anche il commercio dei farmaci riservandolo esclusivamente ai farmacisti.

Proprio in quegli anni, precisamente il 1 aprile 1933, Jolanda Anatrini rilevò da Guido Caturelli, figlio di Giuseppe, la Farmacia d’Igea. Jolanda si era laureata in farmacia nel 1927 a Siena, sua città natale, e si era quindi trasferita a Pisa; con lei nasce il legame tra la Farmacia d’Igea e la famiglia Mannerucci. Superato il difficile periodo della guerra, la Dr.ssa Anatrini dovette affrontare la ricostruzione della farmacia che era stata devastata e saccheggiata di ogni cosa.

Nel settembre del 1972 l’attività passò al nipote Giovanni Mannerucci che dette nuovo impulso dotando la farmacia di una sede più grande, pur rimanendo in via del Borghetto, e ampliando la gamma degli articoli in assortimento con prodotti di parafarmacia e sanitaria.

E sempre a lui si deve l’importante decisione di trasferire l’attività, nel 2008, da quella che era diventata la sede storica di via del Borghetto, all’attuale di via Matteucci. Ora il testimone è stato affidato alle figlie e in particolare alla Dr.ssa Claudia, nuova titolare.